Ernia del disco, quando si può agire senza intervento? Trattamenti validi e alternativi

Un problema spinale che, nei casi più gravi, può rendere necessario l’intervento chirurgico. Come evitare di finire sotto i ferri.

Una problematica diffusa che colpisce un numero sempre maggiore di persone in tutto il mondo. Parliamo dell’ernia del disco. Questo disturbo spinale, noto anche come ernia del nucleo polposo o protrusione del disco, può causare dolore cronico e limitare significativamente la qualità della vita dei pazienti. Come la si può contrastare?

Trattamenti validi per l'ernia del disco
L’intervento chirurgico è l’ultima spiaggia nel trattamento dell’ernia del disco – atuttostreaming.it

L’ernia del disco si verifica quando il nucleo polposo, la parte gelatinosa all’interno di un disco intervertebrale, fuoriesce attraverso una rottura o un’irregolarità nel rivestimento esterno del disco. Questo può esercitare pressione sui nervi spinali circostanti, causando dolore, intorpidimento o debolezza nella zona interessata.

Le cause dell’ernia del disco possono variare, ma spesso sono legate all’invecchiamento e all’usura del disco. Altri fattori di rischio includono sollevamento errato di pesi, obesità, mancanza di esercizio fisico e predisposizione genetica. I sintomi dell’ernia del disco possono manifestarsi in diversi modi, a seconda della posizione e della gravità. Il dolore lungo la colonna vertebrale, l’intorpidimento, la debolezza muscolare e talvolta perdita di controllo degli arti possono essere segni comuni.

Come combattere il problema dell’ernia del disco

L’ernia del disco è una condizione complessa che richiede un approccio personalizzato per il trattamento. La consapevolezza, la prevenzione e una gestione adeguata possono aiutare le persone a vivere una vita attiva e senza eccessivi disagi legati a questo disturbo spinale. Ovviamente la raccomandazione di sempre è quella di affidarvi solo e soltanto a medici e personale specializzato.

Trattamenti validi per l'ernia del disco
Nella maggior parte dei casi il problema viene trattato con esercizio fisico mirato e sessioni dall’osteopata – atuttostreaming.it

La diagnosi di un’ernia del disco coinvolge spesso esami di imaging come la risonanza magnetica o la tomografia computerizzata. Il trattamento può variare da approcci conservativi, come la fisioterapia e i farmaci antinfiammatori, a interventi chirurgici in casi più gravi.

Nella maggior parte delle volte, il trattamento dell’ernia del disco avviene con metodi conservativi, tra cui l’osteopatia e l’esercizio fisico specifico. La fisioterapia gioca un ruolo cruciale nel trattamento conservativo, aiutando a rafforzare i muscoli circostanti e migliorare la postura. Terapie non invasive come il riposo, la terapia calda o fredda e gli esercizi specifici possono contribuire a ridurre il dolore e a migliorare la mobilità.

Nei casi in cui il dolore persiste o peggiora nonostante i trattamenti conservativi, l’intervento chirurgico può essere considerato. Le procedure chirurgiche possono includere la rimozione dell’ernia del disco o la fusione vertebrale per stabilizzare la colonna. Mantenere uno stile di vita sano con regolare attività fisica, evitare sollevamenti pesanti e adottare corrette pratiche ergonomiche possono contribuire a prevenire l’insorgenza di ernie del disco. L’idratazione è fondamentale nella nostra vita, soprattutto nel trattamento dell’ernia del disco. Si consiglia di bere due litri di acqua al giorno.

Impostazioni privacy