Gli anime e le censure

Gli anime sono stati spesso oggetto di censura in molti paesi del mondo.

La censura può essere stata applicata per molte ragioni, come la violenza, la sessualità o la presenza di contenuti ritenuti offensivi o inappropriati per il pubblico.

La censura degli anime è stata particolarmente evidente negli Stati Uniti, dove le trasmissioni televisive erano soggette alle regole del Federal Communications Commission (FCC).

L’organismo ha stabilito delle linee guida sulle scene di violenza, sessualità e linguaggio nei programmi televisivi, e spesso gli anime sono stati tagliati o modificati per rispettare tali regole.

Negli ultimi anni, tuttavia, la situazione è cambiata grazie alla crescente popolarità degli anime nel mondo e alla disponibilità di piattaforme streaming online.

Molti anime che in passato erano stati tagliati o modificati per il pubblico televisivo ora vengono trasmessi in versioni non censurate e in lingua originale.

Ci sono ancora paesi che applicano censure agli anime, come la Cina, dove sono stati vietati alcuni anime per la presenza di violenza o contenuti politicamente sensibili.

Alcuni paesi, come l’Arabia Saudita e l’Iran, vietano la trasmissione di anime che mostrano personaggi femminili che indossano abiti ritenuti inappropriati.

La censura degli anime ha suscitato spesso polemiche e dibattiti sulla libertà di espressione e sulla capacità di un pubblico di scegliere ciò che vuole vedere.

Tuttavia, alcuni sostengono che la censura può essere necessaria per proteggere i giovani spettatori da contenuti inappropriati o pericolosi per la loro salute mentale.

In conclusione, la censura degli anime è un argomento delicato e complesso.

Mentre in molti paesi la censura è diminuita o scomparsa, in altri la situazione rimane ancora incerta.

Ciononostante, gli anime continuano ad appassionare milioni di spettatori in tutto il mondo, e la loro influenza sulla cultura pop continua ad essere sempre più forte.

Ecco cinque anime che sono stati censurati:

Death Note – In Cina, “Death Note” è stato censurato a causa della presenza di contenuti violenti e pericolosi per la salute mentale dei giovani spettatori. In particolare, è stata rimossa la scena in cui Light Yagami mangia le patatine mentre guarda il video della morte di un criminale.

Naruto – Negli Stati Uniti, “Naruto” è stato censurato per alcune scene di violenza e sangue. Inoltre, la scena in cui Naruto cerca di insegnare a una bambina a fare la “sexy no jutsu” è stata modificata per rimuovere le parti considerate inappropriate.

Dragon Ball Z – In alcune versioni internazionali, “Dragon Ball Z” è stato censurato per contenuti violenti e sessualmente espliciti. Ad esempio, in alcune versioni, la scena in cui Goku si ritrova a combattere contro il suo amico Piccolo nudo è stata censurata.

Mobile Suit Gundam – In Italia, “Mobile Suit Gundam” è stato censurato per alcune scene di violenza e per la presenza di riferimenti sessuali. Inoltre, la scena in cui il personaggio di Sayla Mass viene torturato è stata rimossa.

Neon Genesis Evangelion – In Giappone, “Neon Genesis Evangelion” è stato censurato per alcune scene di violenza e contenuti sessualmente espliciti. In particolare, la scena in cui Shinji e Asuka si trovano nudi insieme è stata rimossa in alcune versioni internazionali della serie.

Siete d’accordo con la censura?

Non perdetevi il nostro articolo “5 serie anime che spopolavano tra le ragazze”

CLICCA QUI https://atuttostreaming.it/wp-admin/post.php?post=1113&action=edit

Impostazioni privacy